Qual è il pericolo degli account demo?

Qual è il pericolo degli account demo?

La differenza tra i conti demo e quelli reali è molto semplice da appurare e a detta degli stessi broker, il commercio è praticamente identico in entrambi i casi e lo stesso vale per le condizioni trading. A fare la differenza è il denaro virtuale investito su un mercato sicuro contro il denaro reale investito su un mercato reale. Non si rischia ma non si può guadagnare, eppure gli account demo costituiscono comunque un punto di partenza per chi vuole fare pratica.

Infatti un conto demo offre una grande opportunità per i principianti che desiderano iniziare a conoscere i mercati finanziari, anche se un prolungato scambio su un conto demo può danneggiare e ridurre al minimo tutti gli sforzi del trader.

Gli account demo forex sono utili in tre casi:

  1. Studiare le basi del trading su Internet;
  2. Cogliere gli strumenti finanziari;
  3. Scegliere una piattaforma di trading appropriata o tipo di account;
  4. Testare nuove strategie e metodi.

In tutti gli altri casi, la negoziazione su un conto demo può giocare uno scherzo crudele e fare più male che bene. Certamente è la soluzione ideale per imparare nella fase iniziale a negoziare o a capire come leggere i grafici, ma quando si fa trading su un conto demo, ogni decisione di trading si basa su emozioni neutrali senza prendere in considerazione alcun rischio, quindi non ci regala nessuna soddisfazione emozionale legata al guadagno.

Altri tre motivi per cui non dovresti usare il conto demo:

1. Non commerci in fondi reali, quindi non c’è opportunità di provare ansia e piena responsabilità nel prendere decisioni;

2. Non c’è alcun senso di perdita reale se la decisione è sbagliata;

3. I conti demo spesso non corrispondono alle realtà del mercato finanziario, cioè alcuni broker forex aggiornano i dati sui conti demo per soddisfare e favorire i trader.

Molte persone si chiedono perché è più facile guadagnare denaro su un conto demo che su quello vero. La risposta è ovvia: il fattore psicologico umano.

Quando si fa trading con un conto demo, il trader che ha affinato la tecnica inizia ad annoiarsi, poiché tutte le decisioni gli vengono date più facilmente e con il ragionevole “rischio“ sparisce anche il lato psico-emozionale per il trader. Quando passa al conto reale, dapprima è preso dalle emozioni e dalla voglia di scambiare giorno e notte e con l’aumento della autostima, la soglia di pericolo viene ridotta, seguita da un errore, poi un altro, panico e, infine, perdita di deposito.

Il problema è che i trader non cercano di stare attenti alla loro eccessiva emotività e – pur accorgendosene – non la considerano un problema e iniziano a dare la colpa al broker chiamandolo truffatore o ladro. Ma dietro le perdite ci sono le scelte personale: è molto probabile che, passando da un conto demo a uno reale, il trader abbia lasciato la propria testa tra le nuvole accecato dalle enormi prospettive di guadagno. Non è possibile andare avanti, però, senza essere pronti psicologicamente.

Prima di passare al conto reale, per il trader è importante ridurre le tensioni emotive e psicologiche, dovrebbe farlo anche a spese di un reddito inferiore. È necessario adattarsi al vero commercio.

Inoltre, il commerciante dovrebbe fare del suo trading un lavoro di routine, così come il trader dovrebbe lavorare sul Forex e non giocare, questa è la principale differenza tra professionisti e dilettanti.

All’inizio del suo viaggio, il trader dovrebbe concentrarsi sulla tecnica di esecuzione, sulla qualità del processo di negoziazione e non sull’entità del reddito atteso. Le entrate sono al secondo posto: importano molto di più stabilità, testa fredda e una corretta metodologia.

Ovviamente, l’account demo è un simulatore necessario per testare nuovi metodi e strumenti finanziari o familiarizzare con piattaforme di trading e tipi di account, ma non dovresti negoziarlo per un lungo periodo, in modo da non perdere il senso del trading reale.